Warning: include_once(/home/customer/www/stylentravel.com/public_html/wp-content/plugins/mplugin.php): failed to open stream: Permission denied in /home/customer/www/stylentravel.com/public_html/wp-settings.php on line 447

Warning: include_once(): Failed opening '/home/customer/www/stylentravel.com/public_html/wp-content/plugins/mplugin.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php74/pear') in /home/customer/www/stylentravel.com/public_html/wp-settings.php on line 447
Come funziona Clubhouse, il social letteralmente sulla bocca di tutti – Style 'n Travel

Come funziona Clubhouse, il social letteralmente sulla bocca di tutti

3 Febbraio 2021 - by Social

Se non sapete cos’è probabilmente per ora siete proprio su un altro pianeta, ma tranquilli ci siamo qui noi pronti a trascinarvi indietro sulla terra ferma e capire un poco che cosa sia questo Clubhouse.

Clubhouse è il nuovo social del momento (Tik tok non me ne volere, ma qualcuno ti sta rubando la scena qui eh), un servizio nato nel marzo del 2020 dall’idea di Paul Davison e Rohan Seth (un imprenditore e un ingegnere), proprio in concomitanza dello scoppio della pandemia mondiale di Covid-19. Nemmeno a farlo apposta, il formato di questo social è stato molto previdente e al passo con i tempi e ora vi spieghiamo il perché. 

L’obiettivo di Clubhouse è semplice, è nato per favorire le conversazioni tra utenti attraverso l’interazione vocale, ma in tempo reale. Insomma, non bisogna postare contenuti, video foto e balletti virali: qui non servono.

Le uniche cose che occorrono solo la propria opinione e un invito.

Di fatto, Clubhouse è una sorta di via di mezzo tra un podcast aperto e una chat vocale, un social composto da “Rooms”, ogni stanza ha un argomento di discussione principale, dove al suo interno vi sono tutti i partecipanti e il moderatore del gruppo, il quale si occuperà in particolar modo di dare la parola a chi vuole esprimere la propria opinione all’interno della stanza tramite alzata di mano, dato che quando si entra inizialmente nella room l’utente è mutato. 

Lasciare la stanza è comunque possibile in qualsiasi momento (Leave quietly), per poi decidere di rientrare in seguito.

Vi sono 3 tipi di stanze: Open, Social e Closed. Una stanza Open è come dice la parola stessa aperta al pubblico, chi è sul social può tranquillamente entrare. Clubhouse, inoltre  ci inviterà a selezionare i nostri interessi sulla base di una serie di categorie predefinite suddivise per argomento, come sport, cinema e altro così’ da poterci mostrare quello che più ci interessa per poterci entrare.

La stanza Social è visibile solo alle persone connesse tra di loro, quindi quelle che si seguono, infine una stanza Closed è privata, quindi accessibile solo a chi l’ha creata e a chi è stato invitato.

Le prime due tipologie di stanze sono quelle che vanno di più, poiché sfruttano quello che è il desiderio di un po’ tutti gli utenti dei social network in generale, quella di partecipare anche in maniera passiva a una conversazione, guardando, o in questo caso ascoltando, ciò che ha da dire la gente sugli argomenti più disparati. 

Entrare però a far parte di una di queste room per ora è abbastanza complicato.

Considerate che in Italia Clubhouse è usato principalmente da giornalisti, esperti di strumenti digitali o marketing e persone famose sul web (come Marco Montemagno o per i suoi followers il Monty), questo perché è necessario essere invitato da qualcuno che è già iscritto a Clubhouse e per ora si può entrare solamente tramite app (dove tutto è in inglese). Che a sua volta può essere scaricata solo dai dispositivi IOS 13.0. 

Queste limitazioni sono dettate dal fatto che è molto difficile gestire il tutto, poiché in meno di un anno il social ha visto un afflusso di 2 milioni di nuovi utenti e sono molti gli utenti che si sono iscritti, ma sono ancora in lista di attesa che aspettano il messaggio di invito da parte di un amico o conoscente. Ricordate che ogni iscritto ha diritto solamente a due inviti, quindi è importante inserire il proprio numero di telefono quando si manda la richiesta così da poter vedere chi tra i tuoi conoscenti è già iscritto. 

E la privacy? 

Per ora non è possibile né registrare né condividere le registrazioni su Clubhouse e gli unici dati scritti ci sarà solamente la propria bio. 

Però, questa app presenta due limiti principali, il primo è che l’app richiede in modo molto insistente di avere accesso alla rubrica del telefono di chi la usa, e questo non soddisferebbe i requisiti del Regolamento europeo sulla privacy.

Inoltre, non c’è modo di evitare la creazione di stanze dove vengano messe in giro voci false o incitamenti all’odio.

Si dovrà capire se i creatori dell’app hanno in mente una maniera di moderare le conversazioni. 

Una curiosità sull’icona dell’App Clubhouse

Chi è Bomani X, il volto di Clubhouse

Il social meno social di tutti ovviamente ha deciso di non puntare sulla classica icona colorata e super riconoscibile, ma di utilizzare un’idea controintuitiva.

Al posto di un logo, hanno scelto di utilizzare l’immagine in bianco e nero di un nuovo che sorride, accompagnato dalla sua chitarra.

Si tratta di Bomani X, un chitarrista americano e fondatore di Lit.Spins, servizio in abbonamento che spedisce ai suoi sostenitori un libro abbinato ad un vinile.

Una volta svelata l’identità del volto di Clubhouse, è lecito chiedersi perché la scelta sia ricaduta proprio su di lui.

In realtà, la risposta è piuttosto semplice: i fondatori del nuovo social hanno deciso di dare spazio ai suoi utenti più attivi e popolari.

E Bomani X è uno degli speakers di Cotton Club, una stanza privata che si presenta in questo modo:

«Vibrazioni colloquiali. Dress code rigoroso. Le signore sono sempre libere prima delle 12. Se sai come entrare nel club…lo sai. Inizia quando inizia. Finisce quando finisce».

Share this post? Facebook Twitter Linkedin

Add your Comment